Finanza Comportamentale:attenzione a non cadere nel Paternalismo - Academy - Bianzino Consulente Finanziario a Vicenza

Vai ai contenuti

Finanza Comportamentale:attenzione a non cadere nel Paternalismo

Bianzino Consulente Finanziario a Vicenza
Pubblicato da in Finanza Comportamentale ·
Tags: finanzacomportamentaleeducazionefinanziaria
In materia di Finanza, attraverso l'utilizzo di tutti i mezzi di informazione, sempre più spesso assistiamo ad un approccio da parte del legislatore, o del controllore del mercato, rivolto a far crescere l'Educazione Finanziaria nel nostro Paese.
In effetti le statistiche dimostrano che il livello culturale in Italia in materia di investimenti è ancora ampiamente al di sotto dei Paesi Sviluppati, ma quel che sorprende è che i cosiddetti Paesi Emergenti sono ad un grado superiore al nostro, anche merito di una popolazione più giovane,  aperta e assetata di nuova informazione.
Tuttavia, il legislatore non di rado fa trascendere l'educazione finanziaria in paternalismo autoritario.
Questo si verifica quando ci impongono l'utilizzo di strumenti finanziari in nome di un reale o presunto benessere a nostro favore, creando una gerarchia tra le preferenze del singolo investitore e privilegiando alcuni investimenti piuttosto che altri con un beneplacito o pseudo agevolazioni.
Tale atteggiamento si muove sul sottile confine tra intervento regolatore e una ingiusta limitazione della libertà altrui.
Capita di frequente che un genitore voglia educare i propri figli agli investimenti in modo graduale ma deve stare molto attento a non cadere nel paternalismo dei donatori che consiste nella limitazione al beneficiario dell'utilizzo delle risorse donate.
Il paternalismo di Ulisse si presenta quando è lo stesso soggetto che chiede nel proprio interesse delle limitazioni alla sua libertà di investire. Caso classico sono i Trust o le Fondazioni, dove fondamentale è l'integrità intellettuale e il disinteresse del soggetto terzo nominato investitore al posto di chi è titolare del patrimonio da gestire.
Il più auspicabile sarebbe invece il paternalismo libertario che veramente aiuta a far crescere la cultura finanziaria perchè ampia la scelta delle decisioni e degli strumenti a cui un investitore singolo può accedere trattandole sempre in egual modo. Sarebbe bello perchè rispetterebbe la libertà ma, è difficile reperire un esempio.

Se questo post ti ha interessato puoi contattarmi scrivendomi per fissare un appuntamento in ufficio




Bookmark and Share

Torna ai contenuti